Una bottiglia? Sì, ma di bicchieri impilati monodose

Una declinazione postmoderna del tradizionale detto “nella botte piccola c’è il vino buono” potrebbe essere utilizzata per promuovere la soluzione di confezionamento creata dalla società americana Stacktek, con l’intento di offrire vino di qualità in formato monodose.
Si tratta di bicchieri realizzati in PET BPA Free (senza bisfenolo, sostanza ritenuta oggi dannosa per la salute), impilabili tra loro e facilmente trasportabili; in quattro bicchieri è contenuto lo stesso quantitativo di vino di una classica bottiglia da 750cl.
L’azienda punta sulle leve della praticità (nessun bisogno di bicchieri aggiuntivi o di cavatappi, possibilità di consumare il prodotto anche in situazioni informali fuori casa, durante eventi o concerti) e sulla predisposizione di una parte dei giovani consumatori americani a bere meno ma spendere di più per l’acquisto di vino, se questo è di qualità; la confezione da 4 bicchieri impilabili costa in media un dollaro in più di una normale bottiglia, ma questo formato può facilmente essere oggetto di promozioni.
Come dichiarato a BeverageDaily dalla responsabile sales & marketing dell’azienda, Stacktec ha in corso una partnership con Constellation Brand, allo scopo di confezionare in questo modo vino dei noti marchi quali Woodbridge e Simi, da vendere al dettaglio nella grande distribuzione.